PRB

Il prototipo è costituito da una vasca in polimetilmetacrilato trasparente, suddivisa in ambienti comunicanti, in cui è stato inserito del terreno sperimentale contaminato. Al centro della vasca è stata riprodotta una barriera permeabile bio-reattiva, costituita da un diaframma riempito con un materiale reattivo e capsule SBP (Small Bioreactor Platforms®), inoculate con microrganismi (Bacteria Pseudomonas putida) isolati per la loro capacità di deplezione dei contaminanti organici (TPH e IPA).

Il prototipo simula il lento flusso di filtrazione delle acque sotterranee e lo sversamento di una soluzione contenente idrocarburi petroliferi. In questo modo si produce un pennacchio artificiale di contaminazione che, grazie al flusso della falda, attraversa la barriera reattiva.

Una combinazione di zeolite modificata e bio-capsule SBP inoculate con microrganismi è stata positivamente testata nel prototipo. Un effetto sinergico è stato attribuito agli adsorbenti e alla biomassa batterica all’interno delle bio-capsule SBP: le zeoliti hanno abbattuto i livelli di idrocarburi mediante adsorbimento fisico-chimico e le bio-capsule hanno eliminato la contaminazione residua mediante degradazione.